Switch-off e bonus TV. Presentato il primo spot e il sito ufficiale

Da settembre 2021 a giugno 2022 ci sarà lo switch-off per le tv, ovvero coloro i quali hanno delle tv che non rientrano in alcuni parametri dovranno passare alla nuova tecnologia della TV digitale.
Niente paura dunque, ci sarà quasi un anno di tempo per cambiare la tv e quelli che non possono permetterselo hanno la possibilità di sfruttare il bonus Tv, a cui avranno diritto le famiglie con Isee inferiore a 20 mila Euro.
Per approfondire l’argomento il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo tutte le informazioni dettagliate nero su bianco, creando un sito dove poter avere tutte le informazioni in modo dettagliato.
Inoltre è stato presentato il nuovo spot tv, che andrà in onda ripetutamente, per far capire agli italiano il perchè di questo obbligo e a entrare nell’ottica della necessità di nuove tecnologie.

Guardiamo subito lo spot, mentre di seguito illustreremo come funzionerà il bonus e il significato di DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial).

ADV: Smart tv al miglior prezzo, clicca qui

Come funziona il bonus Tv

Il Governo, con la legge di Bilancio 2019, ha stanziato 151 milioni di euro di incentivi per il periodo 2019-2022 destinati al cambio del televisore o all’acquisto di un nuovo decoder completamente compatibili con lo standard DVB-T2 HEVC.

Il Bonus TV, con valore fino a 50 euro, è un’agevolazione per l’acquisto di TV e decoder idonei alla ricezione di programmi televisivi con i nuovi standard trasmissivi (DVB-T2/HEVC) che diventeranno operativi a partire dal 2022, nonché per l’acquisto di decoder per la ricezione della nuova tecnologia.

Il Bonus TV è già disponibile e lo sarà fino al 31 dicembre 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate.

A chi si rivolge
Il Bonus TV è richiedibile dalle famiglie con ISEE fino a 20 mila euro. Il contributo sarà riconosciuto per nucleo familiare (solo un utente per nucleo potrà riceverlo per l’acquisto di un solo apparecchio).

Per beneficiare del contributo, bisognerà presentare al venditore apposita richiesta, contenente dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, nella quale si dichiara che il nucleo familiare di cui si fa parte rientra nella I o II fascia ISEE e che i componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del contributo.


Il Bonus viene erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore della TV o del decoder sul relativo prezzo di vendita, per un importo pari a 50 euro o al prezzo di vendita se inferiore, fino al 31 dicembre 2022.

Per ottenere lo sconto, i cittadini dovranno presentare al venditore una richiesta per acquistare una TV o un decoder beneficiando del bonus.

Per scaricare il modulo per la presentazione della clicca qui.

I dati raccolti saranno trattati in conformità alla normativa sulla privacy (Regolamento UE 2016/679 e D. Lgs. 196/2003 e s.m.)

Per verificare che una TV o un decoder rientrino tra i prodotti per i quali è possibile usufruire del Bonus è a disposizione dei cittadini una lista di prodotti “idonei”.

Cosa è DVB-T2


Presto sarà operativa la nuova piattaforma del digitale terrestre di ultima generazione: migliore qualità del segnale e programmi in alta definizione.
La sigla DVB-T2 (Digital Video Broadcasting – Second Generation Terrestrial) è un’estensione dello standard DVB-T del consorzio europeo DVB che definisce la piattaforma di trasmissione del digitale terrestre di ultima generazione.

Il passaggio al nuovo standard – cominciato nel 2020 e che terminerà nel giugno 2022 – consentirà un notevole miglioramento della qualità visiva e dell’alta definizione e, al tempo stesso, di liberare le frequenze della banda 700 (compresa tra i 694 e i 790 MHz), indispensabili per la rete mobile 5G.

In Italia il cambio di tecnologia avverrà secondo calendario predefinito da settembre 2021 a giugno 2022 e da tale data, come in tutti gli altri paesi europei, non sarà più possibile la ricezione delle trasmissioni televisive se non con apparecchi di nuova generazione.

Come verificare se la tua TV può ricevere il nuovo segnale


Se il tuo televisore è stato acquistato dopo l’1 gennaio 2017, deve essere compatibile con il nuovo digitale terrestre perché dal 2017 i negozianti sono obbligati a vendere televisori che supportano il nuovo standard.

Puoi anche accertare che la tua TV supporti il nuovo standard verificando che nel manuale e/o nella scheda tecnica del TV sia presente l’indicazione DVB-T2 HEVC Main10.

Puoi inoltre verificare che la tua TV sia compatibile con il primo passaggio tecnologico HD, provando a vedere i canali HD, ad esempio 501 per RAIUNO HD, 505 per Canale 5 HD e 507 per LA7 HD. In particolare puoi verificare se visualizzi il canale 7 di LA7 che funzioni il canale 507 LA7 HD. Se i canali HD sono visibili, la TV è pronta per il primo passaggio tecnologico. Se non li vedi, devi cambiare il tuo TV già per il primo passaggio tecnologico del 1° settembre 2021.

Infine puoi verificare che la tua TV sia compatibile con il secondo passaggio tecnologico DBV-T2 HEVC previsto dal 21 al 30 giugno 2022, provando a visualizzare i canali di test 100 e 200: se vedi RAIUNO sul canale 1 allora verifica che sul canale 100 appaia una scritta contenente le parole “Test HEVC Main10”; analogamente se vedi Canale 5 sul canale 5, verifica che sul canale 200 appaia una scritta contenente le parole “Test HEVC Main10”. Se il test è superato allora l’apparato è compatibile. Può essere utile rifare il test, in caso di problemi, dopo aver risintonizzato i canali.

Se hai verificato che la TV non è compatibile con l’HD o l’HEVC, per continuare a vedere i tuoi programmi preferiti, dovrai acquistare una nuova TV o un decoder.

Tags
Back to top button
Close
Close