Google Fuchsia supporterà le app per Android

Sicuramente Android e Chrome OS possono essere i sotware  più conosciuti di Google, ma la società  statunitense sta lavorando su un terzo sistema operativo chiamato Fuchsia  e sembra che Mountain View ci stia lavorando da qualche annetto.

La domanda che ci poniamo è: che senso ha sviluppare un altro sistema operativo che potrebbe rimpiazzare Android, quando attualmente l’85% degli smartphone attualmente sul mercato utilizza Android? Conviene a Google rompere dei legami commerciali e degli accordi presi con le varie aziende produttrici?

C’è molto mistero che circonda ancora il nuovo sistema operativo ed in realtà non si sa con precisione a cosa serve, se è finalizzato alla sostituzione di Android oppure se si tratta solo di un esperimento di Google. Quello che si sa per certo ed è stato più volte confermato è che Fuchsia supporterà le app per Android.

Logo Google Fuchsia

Fuchsia è un po’ diverso da Android e Chrome OS in quanto non è basato su Linux. Invece il nuovo sistema operativo  si basa su un nuovo kernel sviluppato da Google chiamato Magenta. Secondo Google, Magenta punta a telefoni moderni e personal computer moderni, quindi non sarebbe sorprendente vedere un giorno la presenza di Fucsia sui nostri smartphone. Non solo, ma Google ha persino aggiunto il linguaggio di programmazione di Apple, Swift, al sistema operativo, anche se non si ancora perché.

Nei piani di Google, potrebbe significare portare le app di Android anche su PC, oltre che su smartphone e tablet.

Tuttavia, è probabile che l’abbandono di Android sia ancora lontano, se mai accadrà. Google non ha ancora firmato alcun piano futuro per Fuchsia, ed è chiaro che un tale cambiamento sarebbe un’impresa enorme. Molti grandi produttori come Samsung, Huawey, HTC e LG dipendono da Android per i loro telefoni, rendendo questo tipo di impresa eccezionalmente difficile.

Back to top button
Close
Close